La “zona franca” anti-pizzo!

10

Era il 23 febbraio 2015,quando ATTILIO BOLZONI e EMANUELE LAURIA,su La Repubblica riportarono il seguente articolo!

- Spazio Libero -

 CALTANISSETTA – Lo sapevate che esiste una “zona franca della legalità” dove ci sono gli abitanti più buoni e più onesti d’Italia? E lo sapevate che l’hanno fortemente voluta un governatore condannato per mafia e un imprenditore indagato per mafia? Per capirne di più bisogna andare a Caltanissetta, quella che è diventata la capitale dell’impostura siciliana.
Nella città dove è iniziata l’irresistibile ascesa del cavaliere Antonio Calogero Montante detto Antonello, presidente di Confindustria Sicilia, presidente della locale Camera di commercio, presidente di tutte le Camere di commercio dell’isola, consigliere per Banca d’Italia, delegato nazionale di Confindustria (per la legalità, naturalmente) e membro dell’Agenzia nazionale dei beni confiscati (unica carica dalla quale si è al momento autosospeso per un’indagine a suo carico per concorso esterno), si può scoprire come in nome di una assai incerta antimafia si è instaurata una sorta di dittatura degli affari. Un califfato che si estende in tutta la Sicilia ma che è nato qui, a Caltanissetta, dove commistioni – e in alcuni casi connivenze – fra imprese e politica, impresa e stampa, imprese e forze di polizia, imprese e magistratura, hanno ammorbato l’aria e fatto calare una cappa irrespirabile sulla città.

UNA FINZIONE SOFFOCANTE
In Sicilia tutto si fonda su due parole magiche: legalità e antimafia. È una “legalità” costruita a tavolino e un'”antimafia padronale” che copre operazioni politiche opache e favorisce gruppi di interesse. Dopo la felice stagione iniziata con la “rivolta degli imprenditori” del 2007 guidata da Ivan Lo Bello contro il racket, trasformismo e ingordigia hanno snaturato l’iniziale esperienza e una consorteria si è impadronita di tutto.

La “zona franca” l’ha pretesa la Confindustria siciliana di Montante, l’unico “partito” che nel governo regionale siede ininterrottamente da sei anni con un proprio rappresentante. Quando governatore era Raffaele Lombardo – il 2 maggio del 2012 – fu istituita con un atto ufficiale la Provincia di Caltanissetta fu riconosciuta come “zona franca della legalità”. L’obiettivo era quello di concedere benefici fiscali alle aziende che “si oppongono alle richieste estorsive della criminalità organizzata”. Previsione di spesa: 50 milioni di euro.

Lombardo, che al momento della firma era già indagato per reati di mafia, due mesi più tardi si è dimesso e un anno dopo è stato condannato in primo grado a 6 anni e 8 mesi. Un (presunto) amico dei boss che concede agevolazioni a chi si batte contro il racket su richiesta di chi – Montante – è oggi a sua volta chiamato in causa da cinque pentiti per legami con le “famiglie”. Trame di potere in una Sicilia che non ha mai temuto il paradosso.

SOTTO GLI OCCHI DEL MONDO
La Confindustria di Montante ormai è ovunque. Guida l’Irsap, l’istituto che gestisce le aree industriali siciliane, ha un peso decisivo nel business dei rifiuti e ora ha messo le mani sull’Expo. Pochi giorni fa, l’assessore alle Attività produttive Linda Vancheri, il rappresentante di Confindustria nella giunta di Rosario Crocetta, ha siglato una convenzione che assegna a Unioncamere un pacchetto di interventi per due milioni di euro. Chi guida Unioncamere in Sicilia? Antonello Montante. Sarà lui, malgrado l’inchiesta per concorso esterno, a decidere quali “eccellenze” siciliane del settore agro-alimentare dovranno figurare nella vetrina di Milano e in undici stand fra porti e aeroporti dell’isola. Materia d’indagine per almeno due procure (Palermo e Caltanissetta) e per Raffaele Cantone, il presidente dell’Authority contro la corruzione che, appena il 16 gennaio scorso, ha annunciato che su Expo è stato avviato “il più grande controllo antimafia di tutti i tempi”.

MARKETING DI IMMAGINE
Una rete di interessi così fitta è protetta anche da una stampa a volte troppo compiacente con Montante e i suoi amici. Al punto da proporre (l’ha fatto La Sicilia in un lungo articolo) la notizia di una laurea honoris causa in Economia e Commercio riconosciuta dall’Università “La Sapienza” all’imprenditore. L’ateneo ha smentito il giorno dopo. Era falso.

Nelle sue molteplici vesti istituzionali Montante ha spesso offerto un “sostegno” a mezzi d’informazione e singoli giornalisti. Da presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta ha erogato una pioggia di contributi, sotto la voce “azione di marketing territoriale”. Ne hanno beneficiato cronisti-scrittori, ancora prima della pubblicazione dei loro libri e testate web. Una settimana fa Il Fatto Nisseno, uno dei siti favoriti, ha cancellato un’intervista di Michele Costa (il figlio del procuratore ucciso a Palermo nel 1980) che manifestava perplessità sull’opportunità che Montante – sott’inchiesta – mantenesse le sue cariche.

L’intervista è sparita nella notte “dopo devastanti pressioni”. Un altro clamoroso caso riguarda un contratto di collaborazione per due anni – 1.300 euro al mese – che Confindustria Centro Sicilia (sempre Montante presidente) ha firmato con il responsabile delle pagine di Caltanissetta de Il Giornale di Sicilia. Tutti episodi, quelli citati, che hanno spinto l’Ordine dei giornalisti ad aprire un’indagine conoscitiva.

UN ALTRO PALADINO
Oltre ad Antonello Montante, c’è un altro campione dell’antimafia a Caltanissetta. Si chiama Massimo Romano, socio e amico del Cavaliere, è il proprietario di 34 supermercati sparsi per la Sicilia e, qualche anno fa, era già finito nelle pieghe di un’indagine sui “pizzini” di Bernardo Provenzano molto interessato alla grande distribuzione. Romano da molto tempo siede a tavoli istituzionali con questori e prefetti, è il presidente del Confidi (un consorzio che cede prestiti a piccole e medie imprese) e il suo nome è scivolato in un’operazione antimafia dove il fratello Vincenzo – secondo il giudizio dei magistrati – l’avrebbe tenuto fuori dalla faccenda delle estorsioni “per preservarlo da possibili negative conseguenze sia di immagine che di carattere giudiziario”. Il doppio volto di Caltanissetta zona franca per la legalità.

L’IMPASTO
C’è promiscuità fra investigatori e magistrati e l’indagato di mafia Montante. A Roma e in Sicilia. A Caltanissetta – visti i suoi rapporti intensi con Angelino Alfano che poi l’ha designato anche all’Agenzia dei beni confiscati – Antonello Montante è riuscito, il 21 ottobre del 2013, a far presiedere al ministro dell’Interno il comitato nazionale per l’ordine pubblico e sicurezza. Un organismo che, solo in casi straordinari, si riunisce lontano da Roma. In Sicilia non accadeva dai tempi delle stragi di Falcone e Borsellino. Perché la scelta di Caltanissetta? Per farla diventare quella che non è mai stata, cioè una roccaforte dell’antimafia.

In Sicilia e a Caltanissetta c’è una vicinanza molesta fra imprenditori e rappresentanti dello Stato (si racconta di questori che si trasformano in tappetini al cospetto di Montante, di prefetti che hanno ricevuto esagerate regalie), ci sono investigatori che si fanno assumere parenti e amiche dalla cordata (è il caso di un ufficiale della Dia e di un maggiore della Finanza), ci sono uomini dei servizi segreti che sguazzano allegramente nell’ambiente “antimafioso”, c’è una prossimità imbarazzante con molte toghe. Tanto evidente che ha portato il nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati Fernando Asaro a invitare i suoi colleghi “a una ineludibile concreta distanza da centri di potere economici “. Più chiaro di così.

a cura di A’mattanza