Test vaccino e sperimentazione ma Borrelli frena sulla seconda fase

14
speranza-conte-e-borrelli

Mentre al Policlinico di Pavia – l’ospedale in cui è stato curato dal Covid-19 Mattia, il paziente 1 di Codogno ricoverato lo scorso 21 febbraio –  è iniziata la sperimentazione della plasma terapia, – come riporta TPI -, alcuni ricercatori hanno sviluppato e testato un nuovo vaccino contro il nuovo Coronavirus.

- Spazio Libero -

I ricercatori, della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh, coordinato dall’italiano Andrea Gambotto e da Louis Falo di UPMC (University of Pittsburgh Medical Center), centro di eccellenza nella lotta alle malattie emergenti, hanno effettuato e superato la prima fase del test sugli animali.

Si tratterebbe di un “vaccino-cerotto” e potrebbe entrare già entro un mese nei test clinici di fase I su individui. L’esito della scoperta è stato pubblicato sulla rivista scientifica EBiomedicine (Lancet). (Fonte TPI)

Ma una nuovo dubbio sulla proroga della “quarantena” è nata stamane dopo una dichiarazione, dopo ritrattata, del Commissario Borrelli che avrebbe affermato – riporta l’ANSA – nell’intervista di stamane a Radio Anch’io che passeremo chiusi in casa anche il Primo Maggio, dopo Pasqua e Pasquetta, spiegando che “non passerà questa situazione per quella data. Dovremo stare in casa per molte settimane” e ribadendo la necessità di avere “comportamenti rigorosissimi”.

Poi un passo indietro e ha sostenuto con l’ANSA che “l’orizzonte temporale resta quello del 13 aprile come annunciato dal presidente del consiglio. Ogni decisione sulle misure restrittive e sull’eventuale ‘fase 2’ spetterà dunque al governo che, come sempre, si avvarrà delle indicazioni del comitato tecnico-scientifico. Nell’intervista – sostiene Borrelli – ho chiaramente detto di non voler dare date e ho ribadito ancora una volta che l’inizio della nuova fase dipenderà dai dati e dall’analisi degli scienziati”.

(Fonte ANSA)