Detenuti realizzeranno mascherine

12

Arriva la buona notizia in concomitanza dal Commissario straordinario Arcuri e dal ministro della giustizia Bonafede.

A pubblicare la notizia è l’Adnkronos che subito stila i numeri…

- Spazio Libero -

400mila mascherine protettive al giorno, 320 detenuti al lavoro, 8 macchinari tecnologicamente avanzati, 3 stabilimenti produttivi situati all’interno di altrettante sedi penitenziarie.

Questo il progetto per la produzione industriale di mascherine protettive realizzato in partnership fra Commissario straordinario di governo per l’emergenza Covid-19 e Ministero della Giustizia-Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

La produzione soddisferà innanzitutto tutti i detenuti e il personale che opera negli istituti penitenziari su tutto il territorio nazionale, la rimanenza sarà a disposizione della Protezione Civile.

Le prime sei macchine, che saranno acquistate dalla struttura del Commissario Straordinario e concesse a titolo gratuito all’Amministrazione Penitenziaria, arriveranno a metà aprile e saranno dislocate nei tre stabilimenti industriali individuati presso gli istituti di Milano Bollate e Salerno e nel Polo di Roma Rebibbia presso il Servizio di Approvvigionamento e Distribuzione Armamento e Vestiario (Sedav). Gli ultimi due ordini saranno eseguiti a breve.