36.5 C
Comune di Avola
giovedì, 29 Luglio, 2021

Accedi - Abbonati

spot_img

Comitato “lavoratore sessuale”:dimenticati dalla politica

A pubblicare il comunicato è l’Adnkronos che inizia l’articolo queste parole:”Sex worker, categoria reietta e dimenticata, per la quale neanche il Covid-19 è riuscito a mettere in quarantena i pregiudizi“.

Il comitato denuncia la situazione dopo che donne e trans non si sono visti riconoscere le prestazioni sociali istituite dal governo nelle misure di emergenza dal Governo con il Dpcm 《Io resto a casa》“.

Denuncia il comitato:

Oggi come ieri abbandonate dalla politica e senza tutele per il mancato riconoscimento della professione di ‘lavoratrice sessuale’“.

Lo scenario viene descritto da Pia Covre, storica rappresentante del Comitato per i diritti civili delle prostitute, che lo denuncia all’Adnkronos, lanciando un appello al Governo e agli italiani:

“Non fermatevi a giudicare. Aiutate chi ha più bisogno di voi”. Quindi annuncia: “Domani insieme alle organizzazioni anti-tratta e ai collettivi di sex worker lanceremo una raccolta fondi sulla piattaforma ‘Produzioni dal basso’ intitolata ‘Covid 19, solidarietà immediata per le sex worker più colpite dall’emergenza”.

Tra queste, le trans di Napoli: “Si stanno organizzando, scenderanno in piazza. Dicono: meglio morire di malattia, che come i topi, che di fame”, racconta all’Adnkronos Loredana Rossi, vicepresidente Associazione transessuali del capoluogo campano. Parole ricalcate dalla collega, Gabriella Iovio, trans napoletana che con voce rotta dall’emozione domanda: “Dobbiamo restare chiusi per evitare di morire? Ma cosi moriamo lo stesso! Se non fosse stato per chiese e associazioni non avremmo resistito alla fame. Noi non siamo bestie. Dateci un contributo per una sopravvivenza dignitosa o qua scoppierà una rivolta”.

Uno scenario ancor più devastante quando si guarda alle vittime di tratta: “come le nigeriane chiuse in casa dalle Madame, in condizioni di totale miseria, che per un rapporto completo prendono 10 euro, che non essendo in grado di gestire circuiti on line non hanno clienti e spesso non hanno da mangiare. O donne dell’est costrette a ‘battere’ in strada anche oggi, con altro tipo di rischio dovuto alla presenza di uomini che continuano a giocare il doppio ruolo di amante-protettore”, riferisce Andrea Morniroli responsabile cooperativa Dedalus, capofila dei 21 progetti anti-tratta finanziati dal Dipartimento Pari Opportunità, ed impegnato nel progetto di crowdfunding.

“Noi come ‘Comitato per i diritti civili delle prostitute’ (fondato dalla Covre nel 1982 insieme a Carla Corso – ndr) raccoglieremo le donazioni e le distribuiremo attraverso la rete delle associazioni anti-tratta che fanno capo al numero verde del Dipartimento Pari Opportunità gestito dal comune di Venezia. E ci appelliamo alla politica. Segnaliamo -aggiunge Covre- che nei decreti straordinari di questi giorni è assente un popolo”, migliaia di cittadini invisibili, non contemplati dai provvedimenti. “Denunciamo l’affollamento dei Ctr, dove sono recluse anche moltissime prostitute e transessuali senza rispetto delle norme di distanziamento previste. Chiediamo pietà per le sex worker costrette a tornare in strada per procurarsi da mangiare”.

“Ci sono situazioni di povertà estreme di cui non si può non tener conto. Ci sono circostanze di terrore, vissute dalle vittime di tratta, che non possono essere ignorate. Noi – conclude – finora abbiamo fronteggiato la situazione, ma abbiamo bisogno di aiuto”.

Fonte Adnkronos

Per eventuali richieste di rettifiche, inviare una email cliccando qui!

Potrebbero interessarti

Rimani in contatto

87FollowerSegui
64FollowerSegui
1,440IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli

error: Contenuto riservato agli abbonati !!