CoronaVirus.Stime,ignoranza e decessi

33

Più di 15.000 morti e stime di contagi che per la scienza non è “assoluta certezza”,ma con tutto, ciò da ieri, in tanti si sono messi in viaggio, ignorando ciò che sta succedendo.

La virologa Ilaria Capua,al Corrieredellasera,ha spiegato la questione virus e quarantena in un modo semplice.

- Spazio Libero -

Noi questo virus lo conosciamo da poco, in Italia da metà febbraio quindi sì e no da due mesi. Sono tante, tantissime le cose che non sappiamo e su cui molti si interrogano e purtroppo la scienza ha tempi lunghi, lunghissimi per arrivare alle sue certezze relative.

Un mare di incertezza ci avvolge e ci disorienta. Non sappiamo neanche quanto l’infezione abbia circolato e si sia diffusa in Italia perché i campionamenti non sono rappresentativi e le procedure non armonizzate. Quindi ogni stima è soltanto una stima e come tale intrinsecamente sbagliata – bisogna solo capire di quanto”.

La scienziata ha spiegato anche perché “decessi e contagi” sono calati.

Il distanziamento fisico e le misure di igiene personale e pubblica aiutano ad appiattire la curva quindi a ridurre la velocità del contagio. Ma una curva più piatta non significa blocco della diffusione virale, significa riduzione della circolazione virale“, quindi sottolinea “è chiaro che il virus continuerà a circolare in maniera visibile“.

Fonte Adnkronos