21.8 C
Comune di Avola
sabato, 16 Ottobre, 2021

Accedi - Abbonati

spot_img

Via Italia 103. Non ci resta che piangere

Come la famosa commedia di Troisi e Benigni “Non ci resta che piangere “che risveglio il miglior cinema italiano, in quanto si riproducevano scene della vita reale, così accade in via Italia 103.

Nella più nota piazza di spaccio siracusana capita anche di abbandonare dosi di cocaina, circa 40 confezioni, solo alla vista delle volanti della Polizia di Stato.

Provate ad immaginare la scena…

Il pusher avrebbe occultato le dosi in una delle palazzine, tanto che gli agenti della P.S. l’avrebbero subito trovata.

Viene logico chiedersi se (visto l’ottimo occultamento) a trovarle fosse stato un bambino o qualcuno in astinenza, chi ne avrebbe pagato le conseguenze?

Riflettete, potrebbero essere anche vostri amici o conoscenti a pagarne le conseguenze!

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

Per eventuali richieste di rettifiche, inviare una email cliccando qui!

Potrebbero interessarti

Rimani in contatto

92FollowerSegui
64FollowerSegui
1,510IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli

error: Contenuto riservato agli abbonati !!