Riesame rigetta le richieste di Troia e Forestieri.Si tace sul resto

148

Rigettate le richiese dei giudici del riesame di Catania ma la questione videochiamate Cavadonna – piazze di spaccio resta senza risposte!

Catania. I giudici del Riesame di Catania hanno rigettato la richiesta degli avvocati Forestiere e Ruaro che tentavano di ottenere la revoca dell’obbligo di dimora in sostituzione dell’iniziale misura cautelare degli arresti domiciliari,applicata dal Giudice delle indagini preliminari Carla Frau del Tribunale di Siracusa, nei confronti del loro assistito avvocato Troia.

- Spazio Libero -

Respinta anche la richiesta dell’avvocato Valtimora nell’interesse della signora Noemi Forestieri, compagna del detenuto Francesco Capodieci,che chiedeva o la revoca dell’obbligo di dimora o la sostituzione con una misura cautelare più blanda.

I giudici del Collegio del Tribunale di Catania hanno, però, concordato con la tesi della Procura della Repubblica di Siracusa ed hanno sigillato la sussistenza dei gravi indizi di reità contestati sia all’avvocato Troia che alla Forestieri.

I due, ricordiamo, sono accusati di aver portato dei quantitativi di sostanze stupefacenti al detenuto Francesco Capodieci.

Nel nostro precedente articolo (qui per leggere) avevamo parlato sia della droga che tra “amici” si passano che delle videochiamate effettuate dai detenuti ad appartenenti a piazze di spaccio di Siracusa, ma di questa vicenda si tace!