14.9 C
Comune di Avola
14, Maggio, 2021
- Pubblicità -
Pubblicizza la tua attività

Operazione Piazza Pulita: la DdA chiede condanne pesanti per Angelo Monaco e Antonino Rubbino

Il pizzo sull’azienda dei rifiuti a Noto, condannato reggente cosca Trigila per intimidazione

Articoli più letti

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

Nel processo contro gli imputati dell’operazione Pulita i magistrati del tribunale di Siracusa hanno condannato a 9 anni di carcere Angelo Monaco, 63 anni, ritenuto dai magistrati della Dda di Catania il reggente del clan Trigila di Noto, accusato di essere il mandante dell’intimidazione contro l’azienda che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti a Noto, a cui avrebbe voluto imporre l’assunzione di due persone,  tra cui  un parente dello stesso Monaco.

Nell’inchiesta, coordinata dai magistrati della Dda di Catania, è condotta dalla polizia e dai carabinieri, denominata Piazza Pulita, gli inquirenti poterono stabilire che, di fronte al rifiuto della vittima, Angelo Monaco diede l’ordine di dare fuoco ai mezzi dell’impresa ai due complici Giuseppe Casto e Pietro Crescimone, la cui posizione, però, è stata stralciata ed affrontata in un altro procedimento giudiziario.

Sempre nello stesso procedimento del Monaco sono imputati anche Antonino Rubbino, condannato a due anni e due mesi di reclusione, è Vincenzo Guglielmino, deceduto nel dicembre 2018, imprenditore, rappresentante legale della “G.V. Servizi Ambientali srl” ed anche direttore tecnico della “E.F. Servizi Ecologici srl”, società che gestiscono il servizio di raccolta rifiuti in diversi comuni siciliani; secondo gli inquirenti Vincenzo Guglielmino era colui che si sarebbe presentato alla vittima come intermediario di Angelo Monaco.

Nel corso dell’udienza di qualche giorno fa, tenutasi presso la Corte di Assise di Siracusa,  il pm della Procura distrettuale antimafia di Catania, il dottor  Alessandro Sorrentino, ha sollecitato, al termine della requisitoria, la condanna a 8 anni e 8 mesi per Monaco e 4 anni per Rubbino.

- Pubblicità -

Ultime Notizie