14.9 C
Comune di Avola
14, Maggio, 2021
- Pubblicità -
Pubblicizza la tua attività

Piazze di spaccio:Nei primi due mesi del 2021 sequestrati circa 2 chili di stupefacenti e 8 mila euro

Un calcolo approssimativo dei sequestri di cocaina, marijuana, hashish e soldi dal primo gennaio

Articoli più letti

Stamane l’ennesimo sequestro, da parte degli agenti della squadra mobile di Siracusa, dell’interminabile giro di stupefacenti che gira e fa girare l’economia “personale” dei capoccioni delle piazze di spaccio di Siracusa.

Siracusa. Un duro colpo senza dubbio quello compiuto dalle forze dell’ordine che instancabilmente continuano nel contrasto delle attività di spaccio di via Italia 103, via Immordini, via Algeri e adesso (nuovamente) al quartiere Mazzarona, ma chi ripaga il danno visibile nella città aretusea?

Ancora una volta, su delega della Procura della Repubblica di Siracusa, sono stati rimossi “per l’ennesima volta” cancelli, portoni e grate in metallo in via Italia 103, chiaro segno che a questi criminali i soldi non mancano.

Resta da scoprire e mettere in manette chi detiene le retini dello “spaccio” considerato che Alessio Visicale, il famoso Escobar, si trova in carcere.

Il frutto del sequestro è tutt’altro che irrisorio: oltre 50 dosi di cocaina, 93 dosi di hashish e 13 dosi di marijuana, oltre a circa 1600 euro, un bilancino di precisione, vario materiale per il confezionamento della droga, un candelotto esplosivo di genere vietato, tre pistole semiautomatiche di vario calibro e un fucile con canne mozze con relativo munizionamento.

Nonostante l’arresto di Sebastiano Violante, 37 anni, disoccupato, che avrebbe provato a lanciare dal terrazzo lo zaino contenente le dosi di stupefacenti,  il bottino, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento ed un candelotto esplosivo illegale, che subito le incombenze di rito è stato posto ai domiciliari, siamo certi che tutto tornerà come prima.

Considerato che la stessa Questura afferma nel comunicato che “nel recente passato, in più occasioni, analoghi manufatti posti a presidio delle piazze di spaccio, sono stati rimossi a seguito di provvedimenti di sequestro preventivo emessi dalla Procura della Repubblica di Siracusa, tuttavia, nonostante l’azione di contrasto della polizia, erano stati nuovamente installati portoni, grate e cancelli abusivi che limitavano l’accesso alle scale condominiali”, bisogna chiedersi se le “istituzioni politiche locali e deputati regionali” intendono chiedere una interrogazione urgente al Prefetto e all’ARS per capire come debellare tale fenomeno in continua crescita ( i numeri sono a portata di tutti) o se intendono fare come a “Ponzio Pilato”.

Negli anni, visto che si parla tanto di antimafia, la provincia di Siracusa ha visto noti giornalisti (alcuni assassinati per aver ficcato il naso proprio in questi affari criminali) scrivere della “manovalanza mafiosa”, ma ad oggi solo per l’emergenza Covid-19 il Governatore Nello Musumeci ha chiesto l’aiuto dell’esercito, ed anche qui abbiamo visto come andata.

Una sofferenza a 360° quella che i cittadini sono costretti a vivere per il “silenzio-assenso” di molti, ma che in questo caso rischia di “abolire” anche quei diritti elementari ed etici della Costituzione Italiana.

- Pubblicità -

Ultime Notizie