14.9 C
Comune di Avola
14, Maggio, 2021
- Pubblicità -
Pubblicizza la tua attività

Primo maggio, assembramenti fuori controllo

Gite e scampagnate fuori porta.

Articoli più letti

Era prevedibile, nonostante la zona arancione e le raccomandazioni di infettivologi e virologi di utilizzare il buon senso e il rispetto delle regole anti-contagio, che la tentazione della “scampagnata” sarebbe stata più forte.

La regia, ancora una volta, non ha funzionato per la mancanza del monitoraggio delle zone particolarmente a rischio: montagna e riserve naturali.

A Catania, i carabinieri avevano il compito di monitorare le zone a rischio assembramento di tutta la provincia, con particolare attenzione alle cittadine di mare, le aree di campagna e anche i versanti dell’Etna.

Nella provincia di Siracusa, anche dopo le proteste dei ristoratori, si prevedeva un monitoraggio più ampio soprattutto per gli amanti delle scampagnate e dei barbecue, ma sembrano esserci stati problemi considerati gli spostamenti dalla città ai luoghi che dovevano essere monitorati.

Vaccinazioni

In questo weekend erano previste le iniziative ‘open’ e ‘porte aperte’ per le somministrazioni del siero anti-covid per gli over 60 e pazienti fragili senza prenotazione volute dal governo regionale.

Ma i social e le comunicazioni istituzionali sembrano essersi bloccati, mancano i recapiti e i luoghi dove recarsi per le vaccinazioni, considerato anche il fatto, per alleggerire le Asp della mole di domande per le esenzioni di patologia, la possibilità per i soggetti fragili di presentarsi con il certificato del medico curante o la documentazione specialistica.

È iniziata così la campagna vaccinale truffaldina, da parte di qualcuno, che ha dichiarato di essere sofferte di patologie quali: emicrania, emorroidi, vene varicose, problemi di salute ereditari, ecc..

E chi, in base a queste dichiarazioni, poteva assumersi la responsabilità di vaccinarli col Moderna o AstraZeneca?

- Pubblicità -

Ti piace l'articolo?

Ultime Notizie