14.9 C
Comune di Avola
13, Maggio, 2021
- Pubblicità -
Pubblicizza la tua attività

Svuota carceri.Greco ai domiciliari

Articoli più letti

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

La salute prima di tutto,ma quanti detenuti con gravi motivi di salute sono in carcere e a quanti di questi,malati oncologici soprattutto,sono stati concessi i domiciliari?

Uno dopo l’altro tutti ai domiciliari,è questo lo svuota carceri che sta passando in sordina alla faccia dell’antimafia.

Dopo la prima clamorosa (benevola) sentenza, a Siracusa, sono quasi tutti ai domiciliari i pezzi da 90.

Arrivati in tempo per festeggiare la Pasqua anche i domiciliari per Corrado Greco (soprannome “u rossu“), 35 anni, in carcere dal 24 giugno dello scorso anno per detenzione ai fini di spaccio di un chilogrammo di cocaina e di mezzo chilo di marijuana.

Il Giudice delle indagini preliminari Carmen Scapellato,viste le precedenti sentenze,ha acconsentito alla richiesta dell’avvocato D’Angelo di far beneficiare degli arresti domiciliari il suo assistito.

Corrado Greco che doveva scontare la pena di sei anni di reclusione,come Sebastiano Maiorca,fu tratto in arrestato dai Carabinieri assieme anche a Margherita Urso,moglie di Maiorca.

La donna essendo in gravidanza non finì in carcere,ma ai domiciliari,pur essendo stata condannata a 4 anni e 4 mesi; Sebastiano Maiorca ottenne i domiciliari dal tribunale di Catania dopo la richiesta di riesame del proprio legale,avv.Junio Celesti.

Nonostante i precedenti penali,sempre per spaccio di stupefacenti,Corrado Grecoritenuto appartenente alla piazza dello spaccio di Via Italia 103 – di fatto è agli arresti domiciliari con (si spera) il braccialetto elettronico.

Speriamo che appena finisca l’emergenza del Covid-19,la legge torni a fare il suo corso e,come giusto,tutti paghino con il carcere.

- Pubblicità -

Ultime Notizie